Vino bergamasco: eccellenze DOC a Bergamo e in provincia

/Vino bergamasco: eccellenze DOC a Bergamo e in provincia
Tempo di lettura: 2 minuti

Vino bergamasco: dove si produceva in passato?

Una volta il vino bergamasco veniva coltivato soprattutto in pianura su ampi tralci di vite che cadevano a cascata, appoggiati su robusti pali di legno a ridosso e come completamento degli orti di casa.

Essi producevano un’uva abbondante che serviva a dare luce a un vino “alla buona”, con uno scopo differente da quello odierno. Il suo scopo, infatti, non era quello di accompagnare le pietanze alimentari, ma bensì di integrare calorie a basso costo nella scarsa alimentazione contadina dell’epoca e di fornire zuccheri ed energia. In questo modo, si riusciva a sopportare meglio le fatiche del lavoro rurale, proseguendo per più ore.

Si coltivava la vite anche in collina, in spazi per lo più impervi e aridi per la coltivazione di ortaggi o cereali; anche in questo caso il vino era una sorta di manna a basso costo energetica, per favorire una maggiore prestanza nel lavoro giornaliero.

Vino bergamasco: dove si produce oggi?

Naturalmente le cose oggi sono mutate radicalmente e il vino si è trasformato nella bevanda ideale per certi tipi di prelibatezza, specialmente carni e formaggi. Nella provincia di Bergamo, la vite ora viene coltivata soltanto nella fascia collinare che va dal fiume Adda al lago d’Iseo.

Il vino bergamasco di qualità è il Valcalepio DOC prodotto in quattro differenti tipologie:

  • celebre Valcalepio Rosso doc: ricavato da uve Merlot e Cabernet Sauvignon con invecchiamento di almeno dodici mesi
  • robusto Valcalepio Rosso Riserva doc: con almeno tre anni di invecchiamento
  • delicato Valcalepio bianco doc: ricavato da uve Pinot bianco, Pinot grigio e Chardonnay
  • mix Valcalepio Moscato passito doc: prodotto con uve selezionate di Moscato di Scanzo con invecchiamento di almeno un anno.

In qualunque ristorante o osteria bergamasca, avrai modo di assaggiare un calice di Moscato o di Valcapio perciò… quando arriva il cameriere, ora sai cosa devi rispondere! 😉

Condividi sui social!
2019-07-14T20:02:05+00:0014 luglio, 2019|Bergamo e provincia|
Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. OK