La giornata mondiale dell’alimentazione – specialità bergamasche

/La giornata mondiale dell’alimentazione – specialità bergamasche
Tempo di lettura: 2 minuti

La giornata mondiale dell’alimentazione: la nascita della FAO

Mancano ormai pochi giorni al 16 ottobre, una data davvero speciale in cui si festeggia la Giornata Mondiale dell’Alimentazione. Nel lontano 1945 quarantadue Paesi decisero di riunirsi in Québec, Canada con l’obiettivo di creare un organo che coordinasse le attività di promozione per la sicurezza alimentare e s’impegnasse nella lotta contro la fame e la malnutrizione. Quell’anno fu segnato dalla nascita della FAO (Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Alimentazione e l’Agricoltura) che ha sempre prestato attenzione all’importanza di un’alimentazione sana ed equilibrata per tutti, in tutto il mondo.

A tal proposito, condividiamo con i nostri lettori un video postato qualche settimana fa dalla FAO. Il filmato ci fa riflettere su come spesso diamo per scontato il cibo che acquistiamo e mangiamo quotidianamente, dimenticandoci di apprezzare gli #eroidellalimentazione:

La giornata mondiale dell’alimentazione: le specialità bergamasche

Ogni anno la FAO celebra questa giornata ribadendo il suo contributo a livello internazionale e favorendo una maggiore consapevolezza sulle nostre abitudini alimentari. Ma non occorre spostarsi di chissà quanto per assaporare prodotti genuini, sani e sfiziosi. In Italia, ogni località sa regalarci un ampio repertorio di leccornie da gustare durante tutto l’anno.  E a Bergamo c’è solo l’imbarazzo della scelta!

Per entrare in contatto con la ricchezza delle terre bergamasche, basta assaggiare un piatto di casoncelli accompagnati da burro, salvia e pancetta; sapevi che esiste anche una versione vegetariana? Gli scarpinocc di Parre! Se invece sei un amante dei vini ti consigliamo di provare un bicchiere di Moscato di Scanzo o Valcalepio DOC. Ami il gelato? Be’, non puoi perderti la stracciatella del bar – pasticceria La Marianna: è proprio qui che è nato questo fantastico gusto! 

Inoltre, per gli appassionati dei dolci non c’è niente di meglio che una bella fetta di Torta Donizetti o un morso della mitica Polenta e Osei (sì, hai capito bene, è proprio un dessert!). E ancora, chi ama i formaggi si può buttare sul Fomai de Mut o sul Taleggio e accompagnare il tutto con una bella scorpacciata di polenta. Insomma, Bergamo è presidii slow food, eccellenze DOC e DOCG, prodotti a KM O, bontà rigorosamente salutare… per approfondire la cucina bergamasca, puoi dare un’occhiata a questo articolo: Bergamo e sapori: prodotti del territorio bergamasco

Prodotti del territorio: fare colazione allo Spa Hotel Parigi 2

Continuando a parlare del patrimonio gastronomico bergamasco, ricordiamoci dell’importante progetto promosso qualche anno fa da East Lombardy: “Prima colazione: un’occasione per conoscere il territorio”.  Fare una colazione gustosa e nutriente non è soltanto un ottimo modo per iniziare la giornata, ma anche un’opportunità unica per scoprire le specialità di un territorio e i suoi prodotti più tipici.

In quest’ottica, ci teniamo a sottolineare il nostro impegno nel processo di valorizzazione della varietà culinaria bergamasca. Quando farai colazione nella Sala Breakfast dello Spa Hotel Parigi 2 avrai modo di assaporare alcune delle nostre prelibatezza locali:  torte fatte in casa, miele, salumi e formaggi della zona e molto altro ancora.

Per la giornata mondiale dell’alimentazione, scopri la freschezza e la qualità delle nostre materie prime e lasciati guidare dalle tue papille gustative: la cultura bergamasca non è mai stata così appetitosa. 😜

Scrivi a INFO@HOTELPARIGI2.IT per avere maggiori informazioni e rendere la tua permanenza a Bergamo un’esperienza indimenticabile: non conoscerai mai  un posto fino in fondo… finché non ti riempirai la pancia!😆

Condividi sui social!
2020-10-11T16:25:02+00:0011 ottobre, 2020|Bergamo e provincia|
Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. OK