La centrale idroelettrica di Crespi d’Adda – Abbonamento Musei Lombardia

/La centrale idroelettrica di Crespi d’Adda – Abbonamento Musei Lombardia
Tempo di lettura: 2 minuti

La centrale idroelettrica di Crespi d’Adda, il villaggio operaio sito Unesco, entra a far parte dell’Abbonamento Musei Lombardia.

Capriate San Gervasio, piccolo comune a due passi da Bergamo, ha raggiunto un grande traguardo. Da oggi la centrale idroelettrica di Crespi d’Adda fa parte dell’Abbonamento Musei Lombardia. Questa importante tessera permette di visitare ben 146 attrazioni della regione Lombardia. Ci troviamo di fronte a una tappa importantissima per la promozione turistica del villaggio operaio di Crespi.

La centrale è stata riaperta al pubblico nel 2016, grazie agli sforzi di Adda Energi che ha deciso di ristrutturarla e rimetterla in funzione. Un progetto lungo e complesso che però ha già dato degli ottimi risultati: visite guidate, laboratori didattici, eventi firmati BergamoScienza e spettacoli di musica classica. Ma vediamo insieme come funziona il pass Musei Lombardia e il gioiello industriale di Crespi d’Adda!

Innovazione ed energia idroelettrica

Frutto dell’ingegno e del talento dei migliori tecnici italiani e stranieri, la centrale idroelettrica di Crespi d’Adda risale agli inizi dell’ Ottocento. A capo dell’immensa opera c’era l’ingegnere milanese Angelo Bertini. In quel periodo, la potenza complessiva della struttura si sviluppava su sei gruppi generatori (più uno di riserva). Una linea di 32 km consentiva inoltre il trasporto dell’energia a Milano, dove veniva utilizzata per alimentare la rete tramviaria. Pensa che all’epoca la centrale era seconda per potenza soltanto a quella collocata sul fiume Niagara, al confine tra il Canada e gli Stati Uniti.

Pur essendo una delle centrali più piccole del fiume Adda, in realtà questa suggestiva struttura presenta delle particolarità. Innanzitutto, mostra ancora diverse decorazioni originali in stile tardo liberty, nonché il parquet del periodo di costruzione. Inoltre, qui potrai ammirare le teste originali delle turbine Kaplan. La Kaplan è un tipo di turbina idraulica a reazione inventata agli inizi del ‘900. È in grado di sfruttare piccoli dislivelli per generare grandi portate.

La centrale idroelettrica di Crespi d’Adda e il turismo lombardo

Insomma, stiamo parlando di una preziosa opera ingegneristica che oggi puoi visitare anche grazie al sostegno della regione Lombardia, che ha deciso di inserire la centrale nel suo network di attrazioni consigliate. Puoi acquistare l’Abbonamento Musei Lombardia online in qualsiasi momento e il pass ha validità annuale.

I possessori della tessera potranno accedere ai più celebri giardini, musei, collezioni e castelli della Lombardia tutte le volte che lo desiderano. Ricordiamo che alcuni dei siti bergamaschi inseriti nella rete Musei Lombardia sono il Campanone, la GAMeC, il Museo Civico di Scienze Naturali Caffi e il Museo Civico Archeologico.

Se vuoi approfondire la lettura su Crespi d’Adda e conoscere, prova a consultare questa pagina:  Crespi d’Adda Sito Unesco

Condividi sui social!
2019-01-13T15:31:26+00:0017 novembre, 2018|Bergamo e territorio|
Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. OK