Bergamo e territorio: le fontane di Città Alta

/Bergamo e territorio: le fontane di Città Alta
Tempo di lettura: 2 minuti

Alla scoperta delle fontane di Bergamo

La cospicua presenza di antiche fontane pubbliche è tra gli indicatori del livello di civiltà urbana: a Bergamo questo livello risulta decisamente alto. Il sistema di distribuzione delle acque, infatti, è indice sia di una particolare precocità storica sia dell’ampiezza della loro articolazione: l’acquedotto di epoca romana, la rete irrigua nel territorio agricolo del colle, le molte cisterne e le fontane di Città Alta, nella città murata, le rogge medievali che innervano la città nella piana.

Le fontane di Città Alta, in particolare, pur inserite in un contesto di straordinario pregio, costituiscono un elemento di arredo che merita speciale attenzione. Fortemente legate all’architettura urbana e in perfetta armonia con il paesaggio circostante, esse segnano alcuni dei punti più importanti della città storica accrescendone la bellezza.

Le fontane di Città Alta: dove trovarle

Si parte dalla cinquecentesca fontana di S. Agostino, che di fronte alla porta omonima completa monumentalmente l’accesso alla città da levante. Più in alto si incontrano la fontana di S. Michele al Pozzo Bianco, ai piedi della piazzetta dallo stesso nome, la fonte di Osmano, nella via omonima, e la fontana di Porta Dipinta, là dove questa si apriva nelle mura antiche.  Il loro pregio è di essere tutte tutte di origine medievale.

Poi si passa alla fonte Seca, in angolo fra piazza Mercato delle Scarpe e via Rocca, segue in via Gombito la fontana di S. Pancrazio, del Cinquecento, mentre all’inoltrato Settecento risale la fontana del Contarini di Piazza Vecchia in Città Alta.

Proseguendo lungo le viuzze del borgo medievale, troviamo la fontana detta di ante scolis, sulla destra di S.Maria Maggiore; risalente al 1341 è il Fontanone visconteo, cisterna diventata basamento dell’Ateneo. Antica è la fontana cisterna del Latér, accanto alla chiesetta di S. Lorenzo in via Boccola. Appartiene invece all’XI-XII secolo la fontana di via Colleoni di fronte a via Salvecchio. Chiudono la rassegna la fontana di S.Giacomo, in fondo all’omonima via, e fuori le mura, in Borgo Canale, la fontana della vicinia di S. Grata inter Vites, entrambe memorie medievali.

Se desideri fare una passeggiata o portare a spasso il cane, ricordati che Bergamo è un luogo pieno di fascino che offre numerosi punti ristoro per te e per il tuo amico a quattro zampe. Vieni a scoprire le fontane di Città Alta!

Condividi sui social!
2019-07-14T19:21:41+00:0014 luglio, 2019|Bergamo e provincia|
Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. OK