Bergamo dall’alto: scenari e paesaggi da fiaba

/Bergamo dall’alto: scenari e paesaggi da fiaba
Tempo di lettura: 3 minuti

“Una città non è disegnata, semplicemente si fa da sola. Basta ascoltarla, perché la città è il riflesso di tante storie. ” – Renzo Piano, architetto italiano

Bergamo dall’alto – Passa il tempo ma la città di Bergamo continua a preservare il suo fascino e la sua bellezza. Nonostante le numerose invasioni storiche subite, le mura che circondano questo borgo medievale si mostrano ancora oggi in tutta la loro imponenza e maestosità.

Anche il Daily Mirror sostiene che Bergamo è una meta turistica a 360° gradi.  Gli appassionati di video e fotografia, i cultori delle arti, gli amanti di storia, architettura e natura qui possono trovare divertimento e ispirazione. L’incanto del paesaggio circostante e l’atmosfera attrattiva rendono Città Alta unica nel suo genere.

Bergamo dall’alto – come raggiungere il borgo medievale

È possibile raggiungere il borgo medievale in due semplici modi: utilizzando la funicolare, che offre un’ interessante vista delle mura dall’interno oppure facendo una piacevole passeggiata panoramica partendo da una delle scalette di Bergamo Bassa. In entrambi in casi, una volta in cima troverete lungo il perimetro delle mura tante zone verdi, fontane e panchine in cui poter sostare, rilassarsi o fare un pic-nic.

Quello che ti proponiamo è un percorso turistico che ti farà apprezzare Bergamo dall’alto e scoprire posti che forse ancora non conosci!

Bergamo dall’alto – Convento di S. Agostino

Il primo punto d’osservazione è l’ex-convento di S. Agostino, oggi trasformato in un vivace polo universitario. Superata l’omonima porta, costruita nel XVI secolo, in questa prima tappa del nostro itinerario potrai ammirare la cinta muraria che divide il nucleo di Bergamo alta dalle numerose ville e palazzi arroccati sulle colline, immersi nel verde della vegetazione circostante.

Bergamo dall’alto – Colle di San Vigilio

Oltrepassando questo punto e seguendo le indicazioni si arriva al Colle di San Vigilio (461 m. d’altezza), zona in cui un tempo sorgeva l’omonimo castello di cui oggi sono rimasti dei tratti di mura e i resti di quattro torri d’osservazione. Vicino ai resti storici potrai sostare in un ampio piazzale alberato e ammirare i colli che circoscrivono la città e la pianura in lontananza. Prima di incominciare la salita, fai una deviazione al confinante borgo Canale, uno delle aree più caratteristiche e rurali di Bergamo, dove al civico n. 14 troverete la casa natale del celebre compositore Gaetano Donizetti.

Se volete osservare più attentamente Città Bassa, e perché no? fare una fotografia pittoresca della città, allora ti consigliamo di dirigerti verso Porta S. Giacomo. Da un lato, vedrete un meraviglioso viale alberato che costeggia le mura, dall’altro il centro medievale con i suoi antichi palazzi e monumenti. Suggerimento: uno degli scenari più suggestivi ci viene offerto dal tramonto del sole sui tetti di Città Bassa. Vederlo nascondersi dietro la collina è davvero uno spettacolo!

Bergamo dall’alto – La Rocca

Ultima tappa del nostro tragitto è ovviamente la Rocca, situata a pochi metri di distanza da Piazza Vecchia, cuore del borgo medievale. La Rocca, con la sua imponente torre rivestita dal tricolore italiano, ti accompagna nel fascinoso Parco delle Rimembranze: oltrepassato il regale portone d’ingresso, a poco a poco ti accorgerai di essere in un museo a cielo aperto. Infatti, ai lati del sentiero principale sorgono dei monumenti dedicati ai Caduti di guerra e dei modelli di cannoni e carri armati d’epoca, mentre sulla sinistra puoi far visita alla sezione Ottocentesca del Museo Storico di Città Alta.

Zone lontane dalle aree turistiche, siti nascosti da esplorare, luoghi fatti di luci e ombre, posti che ti ruberanno il cuore con i loro scenari e i loro silenzi. Scenari e paesaggi da fiaba regalano un’atmosfera incredibile. Ad un certo punto, ti sembrerà di fare un tuffo nel passato perché è questo in fondo il fascino di Bergamo: qui il tempo non ha potere, e nemmeno fretta!

Condividi sui social!
2019-02-17T16:01:04+00:0017 febbraio, 2019|Bergamo e territorio|
Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. OK